Elenco dei prodotti per brand Driade

Driade è nata nel '68, qualche decennio fa, nello stesso periodo, come le tendenze che hanno caratterizzato il XX secolo: sia il rigore del disegno geometrico e razionale e, dall'altro, il recupero di pop art e la sua influenza sulla pop e design radicale. Oggi, il "paesaggio motivo" è molto diversa, permeata com'è dalla globalizzazione e onnicomprensiva digitalizzazione. Per capire Driade, vi consigliamo di visitare la sua sede a Fossadello, nei pressi di Piacenza. C'ero stato spesso in passato, ma, mi non sono tornati per lungo tempo. Vedendo di nuovo mi ha aiutato a capire che cosa potrebbe essere un "laboratorio estetico" (come Driade ama definirsi) in questi primi anni del XXI secolo. Sarebbe utile per organizzare il vostro percorso lungo il corridoio centrale che attraversa l'edificio, un segno chiaro e rigoroso, una passeggiata architettonica su cui uffici e camere, elegantemente arredate, si affacciano. Alla fine della passeggiata troverete una grande sala caratterizzata da pannelli fotografici alti che rappresentano il parco del castello di Würzburg, in Germania:. Un giardino d'inverno immerso in un tempo infinito Tutto mira a costruire un clima di sottile estetismo, in cui il strutture geometriche razionali, come mensole in legno o metallo, possono coesistere con arredi che hanno segnato gli ultimi decenni del design: da "Melaina" di Bonetto (ho visto di nuovo, dopo tanti anni, mentre sfogliando il catalogo della mostra curata da Emilio Ambasz nel 1972 al MoMA di New York: "L'Italia: un nuovo paesaggio domestico") per "Due Cavalli" di De Pas, D'Urbino, Lomazzi, dai progetti di Antonia Astori, Nanda Vigo, Enzo Mari , Philipe Starck, Oscar Tusquets, Borek Sipek, Tokjujn Yoshioka, Kazuyo Sejima, Ron Arad e molti altri, che hanno vissuto più di 40 anni, fino ad artisti come il cinese Xie Dong e l'indiano Mann Singh. In questo senso, il quartier generale è un perfetto "laboratorio estetico" per essa esprime l'idea di una immagine complessiva in cui tutto contribuisce a creare un'opera d'arte; un Gesamtkunstwerk wagneriano, dove si possono trovare pezzi di architettura, mobili, oggetti, tessuti e tappeti e in cui i progettisti, fotografi, grafici, web designer, e lavoratori possono incontrarsi. C'è qualcosa che ci ricorda il granduca Ernesto Luigi d'Assia, che ha chiamato, nel 1899, l'architetto della Secessione viennese Joseph Maria Olbrich per progettare la "colonia degli artisti", Mathildenhöhe, Darmstadt: fatta di edifici da Olbrich se stesso e, tra gli altri, dal giovane Peter Behrens. Era giusto Behrens per dare la definizione più acuta di Darmstadt: ". Celebrazione della vita e dell'arte" E 'stata pensata per accogliere artisti, architetti e designer in un luogo, simbolo della ricerca estetica, finalizzato alla divulgazione delle arti applicate in Germania, . attraverso la progettazione e la produzione di mobili e oggetti destinati alla vendita al dettaglio L'epoca della Mathildenhöhe è stato il primo Novecento, ora siamo nel XXI secolo: l'età del avant-garde, del razionalismo contro espressionismo, della geometria vs sognante figure, è andato. I conflitti che hanno caratterizzato il design del secolo scorso, se non ancora scomparso, sono certamente scomparendo e che hanno acquisito un senso diverso. Questa fase è segnata dalla molteplicità di linguaggi che rendono difficile identificare tendenze o relazioni. Una varietà di autori, non sempre facilmente valutabili e non tutti del tutto accettabile, sta costruendo questo secolo, che si caratterizza, in arte e design, dal pluralismo, molteplicità di segni, e di "idioletti" - come Roland Barthes chiamava l'uso del linguaggio specifico di un singolo autore. Il "laboratorio estetico" di Driade è pienamente pertinente in questo nuovo e pluralista XXI secolo, pur continuando a perseguire il suo sogno di "celebrazione della vita e dell'arte". Vanni Pasca

Prodotto aggiunto ai tuoi preferiti
Product added to compare.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nellaPrivacy & Cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Per maggiorni Info